Personaggi Storici 
dall'ottocento all'antichità

In questa sottosezione proponiamo le biografie di alcuni personaggi che hanno avuto un ruolo nella storia della città nel periodo dall'ottocento all'antichità.

 

Pietro Burelli

ingegnere militare al servizio della Serenissima

 

a cura di Fabio Mariotti

Il 18 dicembre 1960, 59 anni fa, l’amministrazione comunale intitolò una via a Pietro Burelli. Chi era questo personaggio ritenuto degno del titolo di una via e quanti umbertidesi oggi conoscono la sua storia?

 

Per approfondire la storia di Pietro Burelli, di cui trattò nella sua opera il Guerini, è stata fondamentale la ricerca storica del Col. Pilota dott. Giuseppe Cozzari presso l’archivio storico della città di Venezia, con la preziosa collaborazione dello storico Renato Codovini per la trascizione dei testi. Oltre ad alcune lettere che testimoniano l’iter per l’assunzione del nostro antenato come ingegnere militare esperto in fortificazioni difensive, il Cozzari ha ritrovato anche un manoscritto originale che illustra in maniera dettagliata, anche con precise immagini, il funzionamento di una nuova arma da guerra, il “Trabucco”, ideata dal Burelli.

 

 

Pietro Burelli, figlio di Tommaso “distinto letterato”, nacque a Fratta nel 1584. Fin da giovanissimo mise in mostra un grande talento e una spiccata attitudine verso le scienze matematiche. Lo storico Antonio Guerini, nella sua opera “Storia della terra di Fratta, ora Umbertide - 1883” racconta che “l’architettura civile e militare fu di preferenza la sua precipua passione onde, per aprirsi un campo più splendido sulle vie dell’onore, si diede totalmente alla carriera delle armi”. Per questo andò in Spagna, allora impegnata in una cruenta guerra con i turchi, dove arrivò fino al grado di capitano. Divenne particolarmente abile nella realizzazione di fortificazioni di campagna che resistevano all’assalto di cavalleria e fanteria. Per questo motivo, tornato in Italia, si mise al servizio della Serenissima Repubblica Veneziana, raccomandato al Doge Niccolò Donatuti dal Provveditore Generale in Terra Ferma Benedetto Moro, con una provvigione molto ricca di 800 scudi all’anno. In questa su attività in terra veneta intraprese il restauro e la ristrutturazione dei baluardi di Palmanova e del grandioso progetto della fortezza di Verona, città nella quale, sorpreso da una grave infermità, morì nel 1642 all’età di 58 anni.

 

Articolo pubblicato nel numero di Dicembre 2019 di “Informazione Locale”.

Fonti: Fabio Mariotti. La documentazione è stata ritrovata nell’archivio storico del Comune di Venezia dal dottor Giuseppe Cozzari e trascritta dal volgare dallo storico Renato Codovini.

 

Domenico Bruni

Grande cantante lirico

 

a cura di Fabio Mariotti

 

 

 

Nacque a Fratta il 28 febbraio 1758, da Pietro, capo-maestro muratore e da Francesca Brischi. Già in tenera età manifestò buona disposizione al canto. Il padre di Domenico apparteneva alla Compagnia della S. Croce. E' probabile quindi che il giovane abbia appreso i primi rudimenti della musica nella scuola della Compagnia, a partire dal 1764. L'esordio di Bruni alla Fratta, con voce da soprano, è del 1772, all'età di 14 anni.

All'età di 15 anni, secondo una crudele usanza di quel tempo, adottata spesso dalle famiglie povere che avevano figli particolarmente dotati nel canto, Domenico fu evirato. Questo fece di lui uno dei più importanti cantanti evirati del tempo. La sua prima esibizione in un grande teatro, 1'Alibert di Roma, risale al 1776. Dal 1780 al 1787 cantò in alcuni dei più importanti teatri italiani e la sua fama incominciò a varcare i confini nazionali. Nel 1787 fu chiamato alla corte di Caterina II di Russia, dove arrivò dopo un lungo e avventuroso viaggio e dove restò fino al 1790.

Gli anni più importanti della sua carriera vanno dal 1791 al 1796. In questo periodo fu chiamato anche a Londra dove si esibì, nel 1793.

Il debutto da cantante professionista nella sua città è datato 8 settembre 1795, nel corso della Festa della Madonna della Reggia, probabilmente nella Collegiata.

Conclusa la carriera, Bruni tornò nel 1797 alla Fratta dove, in considerazione della fama raggiunta e nonostante la contrarietà dei ricchi notabili del posto che non volevano accettarlo tra di loro, fu eletto Priore della Confraternita di San Bernardino. Tale importante incarico gli venne affidato nuovamente dal 1805 al 1807, mentre nel 1804 e dal 1816 a1 1818 fu nominato Depositario (oggi diremmo cassiere) della stessa Confraternita. I rapporti con la Compagnia della S.S. Concezione risalgono al 1795. Nel 1814 fu eletto Priore, mentre nel 1812 e dal 1819 al 1821, anno della sua morte, fu nominato Depositario.

I profondi legami di Bruni con le Confraternite locali sono dimostrati anche dal testamento, dove chiese che il suo corpo venisse seppellito nella chiesa di San Bernardino e lasciò alla Confraternita un legato annuale di 10 scudi.

Il nome di Domenico Bruni è anche indissolubilmente legato al Teatro. Il 4 agosto 1808, infatti, fu nominato presidente dell'Accademia dei Riuniti. Nel corso di quella riunione fu chiesta al comune la possibilità di utilizzare tutto il fabbricato dove era posta la sala-teatro al fine di realizzarvi un teatro vero e proprio, quello che ancora oggi si chiama Teatro dei Riuniti, i cui lavori furono ultimati nel 1814.

 

Fonti:

 

- Nicola Lucarelli: “Domenico Bruni (1758 – 1821) – Biografia di un cantante evirato”

- Ed. Comune di Umbertide, 1992

 

- Testo pubblicato nel “Calendario di Umbertide 1998” - Ed. Comune di Umbertide, 1998

 

Zelmirina Agnolucci

Apprezzata cantante lirica

 

a cura di Fabio Mariotti

 

 

CANTO’ PER LO ZAR DI RUSSIA NICOLA II

 

di Amedeo Massetti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Portava il nome della nonna, Zelmirina, la nonna materna Zelmira Savelli(1), moglie di Gabriele Santini, il cui omonimo nipote sarebbe diventato direttore d’orchestra di fama internazionale(2). La madre, Maria Santini, quinta dei sette figli di Gabriele e Zelmira, nata nel 1848(3), aveva sposato Francesco Agnolucci,1851, grande violinista giovanissimo direttore, dal 1871 al 1875, della scuola

comunale di musica di Umbertide, insegnante di tanti ragazzi. Dirigerà, stimatissimo, anche molte filarmoniche e bande musicali in varie città d’Italia.

Zelmirina era nata ad Umbertide nel 1879. Aveva respirato le note fin da bambina ascoltando le dolci melodie suonate dal babbo nella loro grande casa di campagna. Aveva studiato canto, diplomandosi come soprano con Pietro Mascagni al conservatorio “G. Rossini” di Pesaro(4), dove andava due volte al mese con la carrozza trainata da cavalli.

La prima esibizione a teatro ad Umbertide

La troviamo per la prima volta la sera del 4 aprile 1898 al “Teatro dei Signori Riuniti” in uno spettacolo di una certa importanza che meritò gli onori delle cronache(5). Il tutto era organizzato “a beneficio della cantante Emilia Giannuzzi, priva della vista”, di passaggio per Umbertide, che si esibì davanti ad un pubblico numeroso ed appassionato. Il teatro infatti, nonostante piovesse da molti giorni ed il tempo scoraggiasse le uscite serali, era gremito, “i palchetti traboccavano di rappresentanti del sesso gentile”. Ciò a dispetto di un’umida serata di quaresima, di un lunedì che dava inizio alla Settimana Santa. Ma la Giannuzzi era una brava soprano e accanto a lei cantavano

gli umbertidesi Zelmirina Agnolucci, occasionalmente nel ruolo di contralto, “ammiratissima”, e Giulio Santini, noto e apprezzato baritono(6). Li accompagnava al pianoforte un grande musicista locale, Massimo Martinelli, direttore del Concerto municipale, sempre presente in manifestazioni musicali di rilievo. Zelmirina si era esibita più volte al teatro Morlacchi di Perugia come soprano drammatico, iniziando una carriera impegnativa che le aveva già procurato varie soddisfazioni(7). Aveva poi iniziato la carriera artistica cantando in compagnie di livello nazionale. Memorabile la sua Mimì nella “Bohème” al prestigioso “Coccia” di Novara(8) durante il Carnevale 1899(9) e applauditissima l’interpretazione, nello stesso teatro, del “Trillo del diavolo” di Stanislao Falchi(10), negli splendidi costumi di scena.

 

La tournée in Russia

Ma la prima tournée rilevante della sua vita fu quella che intraprese agli inizi del Novecento:

l’avrebbe portata a San Pietroburgo, a cantare per lo Zar Nicola II. La ragazza, ventunenne,

era partita insieme al padre Francesco Agnolucci, dopo aver firmato un contratto con

l’impresario per esibizioni in varie città nella lunga strada verso la capitale dell’impero russo.

La troviamo in questo avventuroso viaggio artistico, nel marzo 1900, al Grand Theatre di Vilna(11)

dove canta nella “Cavalleria Rusticana” insieme a Luisa De Sirianna, Carolina Zawner, Federico

Percopo (tenore), Giuseppe Pimazzoni e Ignazio Pompa(12). La tappa successiva fu il Teatro

Nazionale di Riga(13), nel maggio 1900, insieme a Ernesto Pettinari e ancora con il baritono

Ignazio Pompa(14).

Grande successo al Teatro Imperiale di San Pietroburgo

Ma l’esibizione più importante fu al Teatro Imperiale di San Pietroburgo, dove sedeva tra il pubblico lo Zar Nicola II(15). Fu un grande successo e la giovane soprano colpì per la bravura e bellezza Wassili Elisiewch Lithewsky, consigliere di stato nobile dello Zar (galavà), governatore di Vitebsk, ora città della Bielorussia. Durante il soggiorno di Zelmira a San Pietroburgo ci fu un’intensa frequentazione tra i due che sfociò nella richiesta di matrimonio da parte del nobile russo. Il padre della ragazza acconsentì, e dovette corrispondere all’impresario una grossa somma a risarcimento degli impegni che Zelmira avrebbe dovuto assolvere al ritorno.

 

 

 

 

 

Il matrimonio con il nobile russo Wassili E. Lithewsky

Le nozze furono celebrate a Vitebsk dopo non poche difficoltà: Wassili passò perfino alcuni giorni rinchiuso in una fortezza militare per non aver chiesto allo Zar il permesso di sposarsi, come era prescritto per gli ufficiali; ma l’impeto di unirsi in matrimonio con la giovane soprano gli aveva fatto dimenticare ogni procedura del suo ruolo. Wassili era nato a Ekaterinodar(16), sul Mar Nero, nel 1860 e aveva quasi vent’anni più della ragazza, un quarantenne carismatico e affascinante. La coppia si stabilì nella città governata dal marito ed iniziò una vita felice insieme.

Presto nacquero due figli: Boris nel1901 ed Elena nel 1904. Wassili era così innamorato da costruire un teatro nel loro sontuoso palazzo di Vitebsk dove la moglie organizzava spettacoli in cui si esibiva nei ruoli di cantante. Una grande sala attigua raccoglieva un esemplare di ogni strumento musicale esistente all’epoca: arredamento incomparabile, prezioso, voluto da Wassili, dal suo amore per Zelmira, dalla sua sensibilità artistica(17).

Francesco Agnolucci rimase qualche tempo in Russia vicino alla figlia, poi tornò in Italia. Morirà nel 1917 nella sua casa al Rio, a confine tra il comune di Montone e quello di Umbertide, all’età di 66 anni(18).

 

Il ritorno in Italia con il marito e i due figli

Nel 1914 Zelmirina partì con Wassili per l’Italia per far conoscere al marito ed ai figli la madre Maria e la famiglia Agnolucci. I Lithewsky si trattennero alcuni mesi ma Wassili, scoppiata la Prima Guerra Mondiale, essendo ufficiale dello Zar, dovette tornare in Russia; la moglie ed i figli rimasero in patria; Boris ed Elena compirono i loro studi in Italia. “Restate qui” – aveva detto loro Wassili – “quando finirà la guerra vi verrò a riprendere”.

 

Dopo la Rivoluzione Russa Wassili fu costretto a nascondersi

Ma nell’ottobre del 1917, in pieno conflitto mondiale, scoppiò in Russia la rivoluzione bolscevica. Tutte le classi della nobiltà furono legalmente abolite. Wassili dovette nascondersi per scampare all’arresto e fu costretto a vivere a lungo in clandestinità, aiutato dai suoi stessi contadini. I suoi parenti erano stati uccisi con esecuzioni sommarie, senza processo, comprese le due sorelle Barbara ed Alessandra, compagne di collegio di Elena del Montenegro, divenuta poi sposa di Vittorio Emanuele III di Savoia.

Solo nove anni dopo, nel novembre 1926, il “generale Lithewsky” riuscì a mettersi in contatto col ministero degli esteri italiano attraverso i canali diplomatici ufficiali. Tramite il consolato di Odessa, nell’attuale Ucraina, ottenne un passaporto con relativo visto; per un attimo il buio parve diradarsi ma l’operazione non andò a buon fine e l’ex ufficiale dello zar dovette tornare a nascondersi. Nel 1929 riuscì a spedire alla famiglia una sua foto, indirizzata con affetto alla “cara Lolina”, la figlia Elena. In Italia, nel 1918, causa la grande “influenza spagnola” che uccise 20 milioni di persone in tutto il mondo, era morto il primogenito Boris, a soli diciassette anni. La perdita del figlio aveva sconvolto Zelmirina.

Wassili Lithewsky passò in Russia momenti durissimi: per quasi dieci anni i suoi congiunti in Italia non avevano potuto ricevere notizie. Tra enormi difficoltà girò clandestinamente in varie parti del territorio, fuggendo nei deserti dell’Asia Centrale, sostenuto solo dalla volontà di rivedere i propricari.

Nei primi anni Trenta del Novecento, placatosi un po’ il clima, iniziarono le ricerche della famiglia: il genero, dottor Carlo Alberto Angelini, marito di Elena, conosceva bene e contattò l’ambasciatore italiano a Mosca, Bernardo Attolico; chiese anche l’intervento della Croce Rossa. Si attivò nella ricerca perfino l’ingegner Adolfo Ghisalberti, nipote di Maria Santini(19).

Finalmente si riuscì a trovarlo nel deserto del Gobi, in Mongolia, e ad organizzare il rientro: nell’estate del 1932 Wassili poté partire per l’Italia. Carlo Alberto Angelini andò a prenderlo al porto di Genova. Il suo fisico era molto debilitato: più volte fu necessario sorreggerlo durante i trasferimenti del viaggio.

 

Dopo innumerevoli peripezie il ritorno in famiglia

Quando il consigliere dello zar giunse ad Umbertide, diretto alla casa di campagna al Rio, viso scavato, pizzo bianco, occhi a mandorla, molte persone notarono il ricco abito da nobile russo che conferiva alla sua figura alta e maestosa un alone di fascino e mistero.

Zelmirina, pur nella gioia, subì un grosso choc all’arrivo del marito che aveva dovuto lasciare tanto tempo prima. La secondogenita, Elena, che lo rivedeva dopo 15 anni, per il trauma smise di allattare la figlia Viola(20).

Wassili si stabilì finalmente nella grande casa della famiglia Agnolucci. Fumatore accanito, dormiva con il lume di una candela sul comodino perché svegliandosi aveva il bisogno impellente di accendere una sigaretta. Ma l’anziano aristocratico non potrà godere a lungo del calore della famiglia ritrovata perché morì di enfisema polmonare solo tre mesi dopo(21).

 

La morte di Zelmirina il 5 luglio 1944

Zelmirina, piegata dalle avversità della vita, sofferente in gioventù(22) di una forma virale di encefalite letargica(23), si ammalò del morbo di Parkinson e passò gli ultimi anni nella sofferenza. Fu assistita amorevolmente nella malattia dal genero, Carlo Alberto Angelini, medico, marito della figlia Elena. Morì il 5 luglio 1944, giorno della Liberazione di Umbertide(24), invocando l’adorato figlio Boris, al “Palazzo della Tramontana”, l’attuale villa di proprietà Cozzari lungo la strada che porta a Migianella(25), allora proprietà Agnolucci.

 

30 settembre 2013

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonti:

Ricerca storica di Amedeo Massetti

 

Pubblicato nel mese di marzo del 2014 sul n.52 di “Pagine Altotiberine” a cura dell’Associazione Storica dell’Alta Valle del Tevere.

 

Testo ridotto pubblicato sul "Calendario di Umbertide 2015" – Ed. Comune di Umbertide 2015

 

 

Note al testo:

1 Zelmira, nata a Umbertide nel 1820, apparteneva alla famiglia possidente dei Savelli, abitante in via Stella; era sorella di Giuseppe Savelli, più volte sindaco di Umbertide dal 1863 al 1880, e di don Flaviano, canonico e arciprete della Collegiata di S. Maria della Reggia. Zelmira Savelli morirà nel 1875.

2 Gabriele Santini era nato il 20 gennaio 1886; il padre era Pio Santini, la madre Carmela Nolaschi. Studiò al Conservatorio “F. Morlacchi” violoncello e pianoforte e più tardi passò al Conservatorio G.B. Martini di Bologna dove compì gli studi di composizione con G. Minguzzi e P. Micci. Iniziò la carriera di direttore d’orchestra già nel 1904 e si dedicò quasi esclusivamente al genere operistico. Dopo un primo periodo al Teatro Costanzi di Roma (ora Teatro dell’Opera), venne ingaggiato da vari teatri dell’America Latina. Rimase per otto stagioni al Teatro Colòn di Buenos Aires e successivamente al Teatro Municipal di Rio de Janeiro, al Lyric Opera di Chicago e al Teatro Manhattan di New York. Dal 1925 al 1929 fu chiamato al teatro Alla Scala di Milano come assistente del maestro Arturo Toscanini. Tornò

quindi all’Opera di Roma dove rimase stabilmente fino al 1933 e dal 1944 al 1947 svolse qui l’incarico di direttore

artistico. Nel 1951 diresse la compagnia del S. Carlo di Napoli nella tournée a Parigi, per le celebrazioni del cinquantenario verdiano. Diresse varie stagioni al Teatro alla Scala di Milano nel 1946 e dal 1960 al 1964, anno della sua morte (Da N. LUCARELLI, Gabriele Santini, illustre umbertidese, in “Umbertide Cronache”, Periodico bimestrale del Comune di Umbertide, n. 1-2002, p. 42).

3 A. MASSETTI, Due secoli in marcia, Umbertide e la banda, Città di Castello, Petruzzi, 2008, p. 139.

4 Testimonianza della nipote Fiore Angelini.

5 L’Unione Liberale, 5 aprile 1998, p. 2.

6 Nella seconda metà del secolo XIX si impose all’attenzione del modo lirico la voce baritonale di Giulio Santini. Nel 1872 era stato scritturato come primo baritono al teatro di Fermo. Da qui si trasferì a Sansepolcro e nel 1874 cantò al Teatro Nuovo di Firenze come primo baritono assoluto, dove raccolse strepitosi successi. Durante il suo lungo soggiorno in questa città, si esibì anche nella Sala Bellincioni, in via delle Belle Donne. Al concerto, eseguito il 30 gennaio 1875, Santini partecipò in incognito, forse per ragioni imposte dal suo rapporto col Teatro nuovo. Lasciata Firenze, si esibì a lungo prima a Siena, poi a Perugia, dove eseguì 12 rappresentazioni de “La Favorita” di Donizetti. A febbraio del 1879, Santini cantò al teatro di Città di Castello nella “Luisa Miller” di Verdi. Le notizie su di lui

terminano con il 1880, anno in cui fu scritturato dal Teatro di Arezzo. In tutta la sua carriera ebbe dagli impresari attestati di stima e di profondo apprezzamento per le sue prestazioni professionali. (R. CODOVINI – R. SCIURPA, Umbertide nel secolo XIX, Città di Castello, GESP, 2001, p. 307).

7 Testimonianza della nipote Fiore Angelini.

8 Il teatro “Coccia” di Novara, uno dei maggiori teatri di tradizione italiani, fu inaugurato il 21 gennaio 1888 con l’opera “Gli Ugonotti” di Giacomo Meyarbeer, diretta da Arturo Tscanini. E’ intitolato a Carlo Coccia, maestro di cappella del Capitolo del duomo di Novara.

9 Documenti ora in possesso della nipote Viola Angelini.

10 Stanislao Falchi, nato a Terni il 29 gennaio 1851, fu allievo di C. Maggi e S. Meluzzi, che lo avviarono allo studio della composizione. Per poter raggiungere una preparazione più approfondita, si trasferì a Roma, dove gli studi musicali conoscevano una vivace ripresa nel clima di rinnovamento culturale degli anni successivi all'Unità d'Italia. Nel 1877 fu inaugurato il liceo musicale di S. Cecilia, articolato in numerosi corsi: il Falchi ricevette l'incarico di insegnante di canto corale e nel 1882 di canto normale, nomine che gli conferirono un particolare prestigio. Sarà poi direttore di canto corale in varie scuole di Roma dal 1883, coronando una splendida carriera didattica; avrà la cattedra di contrappunto, fuga e composizione nel 1890 nel conservatorio di S. Cecilia (Dizionario Biografico degli Italiani Treccani).

11 L’attuale Vilnius, allora città russa, ora dello stato della Lituania.

12 Il baritono Ignazio Pompa, nato a Roma nel 1860, studiò sia a Milano sia nella sua città. Il successo non tardò a

venire. Ultratrentenne, entrò in varie Compagnie teatrali, dalla Compagnia Castellano a Labruna, Granzini, Dazig e cantò in importanti teatri europei, da Parigi a Le Havre, da Ostenda a Liegi, a Poltava. Cantò inoltre a Smirne, Atene, Costantinopoli, Il Cairo, Alessandria d’Egitto. La sua presenza nei teatri russi e ucraini, da Smolensk, dove si sposò nel 1899, a Wilnius, da San Pietroburgo a Minsk, Kursk, Jekaterinoslav, Teodosia, Molitopoli, Kerck, e altre città russe e ucraine, si fece notare con successo. Morì a Londra nel 1909 (www.museoparigino.org).

13 Riga, allora città russa, oggi è la capitale dello stato baltico della Lettonia.

14 Ibidem.

15 L’attuale Teatro Mariinskij, di San Pietroburgo. Deve il suo nome alla principessa Maria Aleksandrovna e in passato ha avuto, in epoca sovietica, il nome di Teatro Kirov, (in onore di Sergej Kirov ) e Accademia Nazionale dell'Opera e del Balletto e, in epoca zarista, Teatro Imperiale di San Pietroburgo.

16 La città, dal dicembre 1920, è stata ribattezzata Krasnodar.

17 Testimonianza della nipote Viola Angelini.

18 E’ sepolto nella cappella Savelli, nell’emiciclo sinistro del cimitero di Umbertide. Sulla sua lapide c’è la seguente

critta: Dedicò l'arte sua bella l'illibata operosa sua vita alla moglie ai figli che con infinito riverente amore venerano la lacrimata memoria.

19 Testimonianza della figlia Paola Ghisalberti.

20 Testimonianza della nipote Viola Angelini.

21 Anche Wassili Lithwsky è sepolto nel cimitero di Umbertide, nella cappella Savelli.

22 Il marito era sparito nel caos della rivoluzione russa e non erano riusciti neppure più a scriversi.

23 Il padre delle signore Fiore e Viola, Carlo Alberto Angelini, medico, ebbe contatti anche con la Regina Elena che

aveva promosso e finanziato studi su questa malattia.

24 Il 5 luglio 1944 Umberttde fu liberata dai soldati dell’ 8ª armata britannica.

25 La villa a sinistra di chi sale verso Migianella, cui si accede lungo un sentiero delimitato da pini marittimi. Negli anni ‘30 apparteneva alla famiglia Agnolucci.

 

 

La cantante con il figlio Boris
Lo Zar Nicola II
Zelmirina con il marito Wassili
La cantante  con alcuni degli abiti usati in scena

Filippo Alberti

Letterato e poeta

 

a cura di Fabio Mariotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nacque il 26 marzo 1548 alla Fratta, da Luca Antonio Alberti e da Ippolita Petrogalli. Passò l'infanzia e l'adolescenza in severi studi e poco più che ventenne fu eletto "coadiutore" del cancelliere del comune di Perugia.

Ben presto acquistò fama di valente poeta. Le sue rime ebbero, mentre era ancora in vita, due diverse edizioni e molte di esse videro la luce in pregevoli raccolte di altri importanti ed illustri letterati dell'epoca, fra le quali anche i pregevoli "nove sonetti", scritti dal Nostro per la "Conversione di Santa Maria Maddalena".

Scrisse varie opere molto lodate: un libro di poesie l'intitolato "Rime di Filippo Alberti" stampato in Roma ed in Venezia; una bella canzone sopra la cicala; una tragedia intitolata "Cestio Macedonico" il cui protagonista fu un tale Cestio cittadino perugino, il quale avendo combattuto coi Romani nella

guerra di Macedoni ed in quella essendosi segnalato per generose azioni, meritò il soprannome di Macedonico.

Non tutte le sue opere furono pubblicate e molte sono andate disperse - anche se ne abbiamo notizie e titoli - in seguito alla sua lunga infermità e alla sua morte.

Filippo Alberti fu tenuto in gran conto da personaggi del tempo quali Alfonso d'Este, duca di Ferrara, i cardinali Bonifacio Bevilacqua e Domenico Pinelli ed il marchese Ascanio della Cornia. Lo tennero in onore letterati come l'illustre umanista Marco Antonio Bonciari, Scipione Tolomei, Cesare Crispolti senior, Giovan Battista Lauri, Cesare Caporali, Claudio Contuli e Cesare Alessi. Ma il principale vanto per 1'Alberti fu l'amicizia che gli professò Torquato Tasso; amicizia fondata sulla stima che il grande poeta aveva per il letterato di Fratta. L'Alberti ci parla della conoscenza con il Tasso fatta a Ferrara, coltivata attraverso un'affettuosa corrispondenza con il nostro Filippo cui dedicò anche un sonetto, e non disdegnò di chiedergli consigli sulla "Gerusalemme Liberata" e, avutili, di seguirli.

L'Alberti era anche un buon prosatore (ci sono in proposito elogi di uomini illustri, tuttora inediti, conservati nella biblioteca Augusta di Perugia). Alcuni di questi lavori non furono portati a compimento, altri rimasero inediti sia per l'invidia dei potenti del tempo, come confermano il Lauri e 1'Oldoino, sia per la sua malferma salute.

I pregi letterari e l'amore che portava a Fratta e a Perugia ci fanno credere che sarebbe stato molto interessante avere un volume delle sue "Memorie istoriche di Perugia", andate perdute, da lui scritte quando era governatore della città del Grifo il romano Carlo Conti, colui che sotto papa Clemente VIII "fu tentato di far la Chiesa di Perugia archipiscopale". Gli studi non allontanarono 1'Alberti dai pubblici uffici ed egli, che nel 1573 era stato eletto "Coadiutore" del cancelliere del comune di Perugia, fu chiamato ad assumere la direzione della cancelleria priorale, ufficio al quale venivano assegnati sempre uomini insigni per prudenza e per dottrina.

Gli amici ed ammiratori dovettero piangerne la morte quando ancora non era vecchio. Aveva 64 anni allorché si ritirò a vivere a Fratta e lì terminò i suoi giorni, il 12 settembre 1612. E' sepolto nella chiesa di San Domenico a Perugia.

La strada dove era situata la sua casa, in pieno centro storico, porta oggi il nome di "via Alberti".

 

Alcune poesie di Filippo Alberti

Si risolve di più non amare

Dissi, ch'eri il mio bene

E la mia vita, Orsella

Più che il sol vaga, e bella.

Hor mi disdico, e `1 canto

Rivolgo a i biasmi, a l'ire

T'amai, t'odio altrettanto.

E fuor d'affanni, e pene

Ecco, ch'io pur son mio

A Dio, perfida, a Dio.

 

Tratta che le donne di Perugia, passata una                                                                                                                                      certa età, dovessero vestire di nero

Ahi sciocco è ben chi crede

Che Donna in veste nera

Possa parer men bella, e meno altera.

l negro il bel non toglie,

E torta Legge è quella

Che solo altrui concede

Color, che sempre annuntia o morti, o doglie,

Tuona, e saetta il Ciel quando è più fosco,

Negra serpe ha più tosco.

 

Presagio della bellezza di una fanciulla

Pomo acerbetto sei

Vaga fanciulla, e da begli occhi fuore

Sol verginelle gratie spiri ancora;

Ma già Cupìdo aguzza i dardi rei,

Già in man la face ha tolto,

Per accenderla poi nel tuo bel volto.

 

 

Fonti:

Calendario storico di Umbertide 2002 – Ed. Comune di Umbertide – 2002

Arcangelo Chelli - “Gli uomini illustri di Umbertide” – Ed. Tipografia Tiberina - 1888

 

 

 

 

Aiutaci a ricordare

 

umbertidestoria@gmail.com

 

 

 

 

 

Via Alberti
 
  • Facebook
  • Instagram

© 2019 by umbertidestoria Wix.com

  • Facebook
  • Instagram